Gressoney-La-Trinité

Gressoney-La-Trinité

In una vasta zona pianeggiante dominata dall’imponente ghiacciaio del Lyskamm, chiusa tra fiancate scoscese, ricoperte da una ricca vegetazione di larici, Gressoney-La-Trinité è l’ultimo centro abitato della valle di Gressoney.

Nel centro del paese la chiesa parrocchiale risale al 1671, al suo interno l’altare maggiore in stile barocco è in legno in parte dorato e in parte dipinto. La cuspide del campanile presenta una particolare forma a cipolla, sormontata da una boccia in rame e da una croce. Il Cimitero adiacente la Chiesa è degno di nota per l’antichità e le qualità delle lapidi di pietra, fatte a mano, ma soprattutto per la bella croce in pietra. Nel medioevo questa località appartenne ai vescovi di Sion e fu popolata da pastori provenienti dal vicino vallese: i Walser. La loro cultura si riflette ancora oggi nell’architettura, nelle tradizioni e nella lingua parlata detta “Titsch”. Punto di partenza per le ascensioni al gruppo del Monte Rosa è allo stesso tempo una stazione ben attrezzata per gli sport invernali.

Gressoney è infatti situata al centro del comprensorio del Monterosa Ski, che con i suoi 180 km di piste collega con la Valle d’Ayas a ovest e con la stazione piemontese di Alagna a est. La località di Staffal, in cima alla valle, è la porta di accesso ai percorsi più entusiasmanti di fuoripista e di sci-alpinismo. In estate Gressoney offre belle passeggiate approfittando anche per alcuni tratti degli impianti di risalita o trekking di più giorni come il Tour del Monte Rosa che, attraversando Italia e Svizzera con un percorso ad anello, gira attorno al Monte Rosa e il Grande Sentiero Walser che ripercorre la via che i Walser seguirono durante la loro migrazione.