Brusson

Brusson

Il suo incantevole paesaggio e il suo clima particolarmente dolce, dovuto ad un’esposizione soleggiata, rendono questo comune una meta di villeggiatura ideale in ogni stagione.

In inverno è sicuramente il comprensorio sciistico per gli appassionati di sci nordico con oltre 30 km di piste, di varia difficoltà, immersi nella natura e 15 km in quota, ad Estoul, dove si trovano anche gli impianti del comprensorio di Palasinaz per lo sci alpino.

Con l’arrivo dell’estate i turisti tornano per ritrovare il clima di familiarità che si respira tra i vicoli del paese e per cimentarsi nelle numerosissime passeggiate ed escursioni, adatte sia ai meno allenati, tra i boschi che circondano l’abitato, sia ai più esperti che si possono spingere verso le cime più alte o i numerosi laghi come quelli di Palasinaz, o di Frudière, solo per citarne alcuni. Brusson inoltre offre parchi gioco per i bambini, equitazione, arrampicata, pesca, tennis … o il dolce far niente per chi vuole veramente sentirsi in vacanza. Ma Brusson è anche storia e cultura: qui si trova infatti il castello di Graines fatto edificare intorno al X secolo e ceduto nel 1200 alla casata degli Challant. Troviamo inoltre in località Fontaine alcune costruzioni antiche tra cui la casa degli Challant, dove i Signori soggiornavano in tempo di pace, la casa-forte, utilizzata come prigione e la casa-convento di San Francesco. Da non dimenticare, sulla strada che porta al Col de Joux, la fontana dove si dice essersi dissetato Napoleone nel 1800 rischiando di essere arrestato dagli austriaci. Se questo fosse avvenuto, le sorti dell’Europa sarebbero cambiate.

Tra le manifestazioni di maggior rilievo ad Estoul la tradizionale Bataille de Reines valida per il concorso regionale e la festa dell’acqua nel mese di agosto sul laghetto di Brusson.